La dignità delle piante

Posted 3 CommentsPosted in blog, Piante

di Silvia Pattuelli Nella Costituzione svizzera è contemplato un principio  particolarmente innovativo: l’obbligo di tenere conto della dignità dell “essere vivente” quando si ha a che fare con le piante e con il loro utilizzo (1). Per dare una connotazione concreta alla parola “dignità” nell’ambito del regno vegetale,  il Consiglio Federale elvetico ha sentito l’esigenza […]

Una canzone per il nostro pianeta che si riscalda: i numeri del cambiamento climatico in musica

Posted Leave a commentPosted in blog

  A Song of Our Warming Planet from Ensia on Vimeo.      La musica è il linguaggio che accomuna tutti i popoli della Terra. E’ così che in un estremo ed affascinante tentativo di comunicare il riscaldamento globale Daniel Crawford, studente all’Università del Minnesota, ha utilizzato il proprio violoncello.   Ogni nota rappresenta un […]

Quanto è resiliente la mia comunità?

Posted Leave a commentPosted in blog

di Silvia Pattuelli   E’ sempre fonte di profonda  ispirazione leggere Rob Hopkins, fondatore delle Transition Towns, in particolare quando illustra la differenza che intercorre tra i concetti di SOSTENIBILITA‘ e RESILIENZA.   Potrebbe sembrare una semplice disquisizione filosofico-economica, invece contiene al proprio interno la sintesi alla base del nostro sistema di vita, del modo […]

La danza delle api

Posted Leave a commentPosted in blog

Mentre la popolazione umana cresce al ritmo di 70 milioni di individui all’anno passando dai due miliardi e mezzo del 1950 ai 7 miliardi nel 2012, quella degli insetti impollinatori diminuisce per quantità e nella biodiversità. Un recente studio (1) statunitense condotto da Laura Burkle, Assistant Professor di Ecologia alla Montana State University, mostra come […]

…. E se fosse piu’ semplice del previsto?

Posted Leave a commentPosted in blog

  PARTE 2 Lo scenario da cui partiamo è quello del post precedente. Una situazione davvero complessa e in cui il panorama delle opzioni possibili si è fatto terribilmente ristretto. D’altra parte continuare come se niente fosse è la peggiore scelta che si possa fare. La più pericolosa. In questa corsa rocambolesca verso lo sviluppo […]

Sul bordo del precipizio

Posted Leave a commentPosted in blog

  Come si può considerare utile un tipo di coltivazione che produce cibo potenzialmente dannoso per la salute di chi lo mangia, di chi lo coltiva e per l’ambiente? A chi è utile un tipo di agricoltura così? Ai piccoli contadini che si stanno impoverendo sempre di più? Non ci sono alternative, ci viene ripetuto […]

Chi si scusa si accusa? Un’altra storia di OGM

Posted 1 CommentPosted in blog, OGM

di Silvia Pattuelli Lo scorso 3 gennaio il giornalista e scrittore inglese Mark Lynas, conosciuto per il suo attivismo nell’ambito del cambiamento climatico, ha voluto fare un atto pubblico di pentimento, chiedendo scusa più e più volte per aver creduto nella fede sbagliata. Ha dichiarato di aver scoperto lungo il proprio cammino  la “Scienza” e questa lo […]

La società di mercato è la migliore scelta possibile?

Posted Leave a commentPosted in blog

Il filosofo politico Gerald Allan “Jerry” Cohen, canadese, vissuto a cavallo del XX secolo, prova a indicarci un percorso diverso. In questo breve post  vorrei riprendere alcuni rapidi passaggi in cui il filosofo riflette sulla giustizia e, indirettamente, sull’economia di mercato. Si parte da una premessa: “la giustizia richiede un pari diritto ai benefici per tutte […]

Il 29mo giorno

Posted Leave a commentPosted in blog

Uno stagno di ninfee ha una sola foglia il primo giorno, due il secondo giorno, quattro il terzo giorno e il numero di foglie continua a raddoppiare ogni giorno. Se lo stagno è completamente pieno di foglie il trentesimo giorno, quando  sarà coperto per la metà? il ventinovesimo giorno, ovvero solo il giorno prima. Con […]

Statistiche geneticamente modificate?

Posted 1 CommentPosted in blog, OGM

Sono d’accordo! Occorre maggiore informazione nel campo degli OGM. Mi spingo anche oltre. Occorre un’informazione che dia voce a posizioni favorevoli e contrarie in ugual misura, con scienziati e “mediatori scientifici” preparati e onesti. E che questo scambio passi attraverso il maggior numero di mezzi comunicativi. Perché solo così è possibile evitare distorsioni e strumentalizzazioni. Il […]